Disabilità significa inclusione.

Ma il nuovo modello di piano educativo individualizzato per i bambini con disabilità, previsto dall’ultimo decreto ministeriale, contiene punti lesivi del diritto all’istruzione degli alunni con disabilità: l’esonero da alcune discipline di studio, con allontanamento dell’alunno con disabilità dal gruppo classe e dai suoi docenti, la conseguente riapertura di “spazi laboratoriali” o di “aule riservate” piuttosto che attività individuali che ricreano, di fatto, le “classi differenziali”, la riduzione dell’orario di frequenza. A ciò si aggiungono (continua e firma).

Donne con disabilità: il covid aumenta invisibilità e discriminazioni.

L’invisibilità delle donne con disabilità è la costante negativa che le caratterizza. Un’invisibilità che impedisce loro di essere riconosciute come cittadine e titolari di diritti; e dall’inizio dell’emergenza Covid, la loro situazione di esclusione e abbandono si è ulteriormente aggravata, mostrando tutta la sua crudezza e tragicità. (continua…)

Una voce che si levò contro lo sterminio delle persone con disabilità.

«Se si ammette una volta che gli uomini hanno il diritto di uccidere i loro simili “improduttivi”, si dà il via libera all’omicidio dei malati incurabili, degli storpi incapaci di lavorare, delle persone rese invalide dal lavoro o dalla guerra, e infine all’omicidio di tutti noi, quando saremo vecchi, decrepiti e quindi “improduttivi”»: lo disse nel 1941 August von Galen, vescovo di Münster, pronunciando la cosiddetta “Omelia dell’Eutanasia”, una delle pochi voci che condannarono pubblicamente il programma di sterminio di decine di migliaia di persone con disabilità durante il nazismo. (continua…)

La Shoah e le persone con disabilità: una storia dell’orrore tra gli orrori.

«Nel triste elenco delle vittime della Shoah non vanno dimenticate le persone con disabilità che, colpite dal programma “Aktion T4”, furono le prime vittime dello sterminio. È una storia dell’orrore tra gli orrori che non può più essere derubricata in una narrazione indistinta e che, invece, merita una propria collocazione anche storiografica, per colmare il vuoto di studi accademici che in passato l’hanno caratterizzata e di cui ancora oggi subiamo gli esiti».
(continua…)

Acceso dibattito sui nuovi Piani Educativi Individualizzati per gli alunni disabili.

Niente integralismi sui nuovi Piani Educativi Individualizzati  (continua…)

Il nuovo Piano Educativo Individualizzato: svolta o regressione? (continua…)

Bene l’attenzione alla disabilità, ma c’è ancora tanta strada da percorrere (continua…)

Il nuovo Piano Educativo Individualizzato e i rischi di invertire il percorso (continua…)

Dalla disabilità gli oroscopi 2021.

Formulati con tratti di pungente ironia, di grottesco e talora della comicità più o meno involontaria che, come ogni altra faccenda umana, può riguardare anche il mondo della disabilità. Un esempio? Scorpione (24 ottobre-21 novembre) L’autoritario ingresso di Giove nel Leone annullerà la sfiducia che attanaglia la vostra condizione autistica di scorpioncini. Infatti, a chi vi chiederà se siete afflitti da una forma lieve o grave di autismo, risponderete con baldanza: «Lieve, perché non ho deficit verbali e compromissione dell’interazione sociale». E a riprova, gli mollerete un gancio alla mascella.(continua…)

Lega del filo d’oro per i sordociechi.

In Italia le persone affette da problematiche legate sia alla vista che all’udito sono 189 mila, pari allo 0,3% della popolazione italiana e quasi 10 mila i bambini e ragazzi che convivono con almeno una delle due disabilità. La sordocecità è la combinazione di una minorazione visiva con una uditiva, totale o parziale; la pluriminorazione psicosensoriale si ha quando, alla minorazione della vista o dell’udito, se ne aggiungono altre come la disabilità intellettiva, deficit motori, problemi comportamentali. Per sostenere il Centro Diagnostico (continua…)

Un servizio di informazione sulla disabilità.

Superando.it è un servizio di informazione sulla disabilità promosso dalla FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap e gestito da Agenzia E.Net s.c.a.r.l. L’aggiornamento gratuito è disponibile a tutti ed attivabile direttamente dal sito cliccando qui. Di seguito puoi cliccare alcuni esempi:

Scuola e disabilità: convocare subito l’Osservatorio per l’Inclusione (continua…)

Norme anti-Covid a scuola e disabilità: altro che accomodamenti ragionevoli! (continua…)

Un’assistenza dignitosa per tutte le persone non autosufficienti (continua…)

Come la ricerca sulle malattie genetiche rare contribuisce alla lotta al Covid (continua…)

Violenza nei confronti delle donne con disabilità: la nuova indagine della FISH (continua…)

Tante domande e altrettante risposte sull’aumento delle pensioni di invalidità (continua…)

Quando votare diventa un’umiliazione (continua…)

La scomparsa di una guerriera dei diritti umani delle persone con disabilità.

Con la scomparsa di Rachel Kachaje, il movimento mondiale perde una delle sue figure più illustri, una donna che ha dedicato la vita a promuovere i diritti umani delle persone con disabilità, vivendo saldamente nel presente e combattendo per il futuro. Già Ministra per gli Affari della Disabilità e della Terza Età nel Malawi, il proprio Paese dell’Africa, Kachaje, che ha anche fondato il DIWA (Disabled Women in Africa), era divenuta nel 2015 presidente mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International). (continua…)

La polio è quasi debellata nel mondo, resta la disabilità che ha provocato.

In Italia vivono 122.000 poliomielitici, la maggioranza al Sud, in piccoli centri. La poliomielite è oggi la patologia meno conosciuta e per questo più devastante di prima. La situazione è grave ed ha risvolti anche psicologici e sociali importanti. Si tratta infatti di migliaia di persone che, anche quando inserite in àmbito lavorativo e familiare, sono a rischio di perdere l’autonomia faticosamente conquistata, con conseguenze esistenziali e sociali drammatiche. Clicca qui.

La disabilità, la pandemia e i nodi al pettine.

«La pandemia da coronavirus ha messo ulteriormente in risalto problemi vecchi e nuovi, ponendo le persone con disabilità, e in particolare quelle con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, insieme ai loro familiari, in una situazione di estrema difficoltà»: «Non è più possibile attendere oltre rispetto alle tante criticità, aggravate dalla pandemia in atto, che si trascinano irrisolte ormai da troppo tempo» (continua…)

Le persone con disabilità “vulnerabili tra le vulnerabili” ai cambiamenti climatici.

I pesanti effetti del cambiamento climatico in corso nel nostro pianeta si distribuiscono seguendo i medesimi modelli di disuguaglianza già presenti nella società, rendendo quindi ancora una volta le persone con disabilità, vittime di discriminazioni multiple e intersezionali, “vulnerabili tra le vulnerabili”. (continua…)