Genova 2001: ritorno al futuro.

Su ”Granello di sabbia” di ATTAC clicca:

Altermondialismo di Christophe Aguiton (sociologo, militante sindacale e politico francese) Essere brace sotto la cenere di Vittorio Agnoletto (medico, presentatore per l’Italia della petizione europea “Diritto alla cura, nessun profitto sulla pandemia”) Genova 2001: una stagione ribelle declinata al futuro di Marco Bersani (Attac Italia) Genova 2001-2021. Riflettere sul passato per agire nel presente, delineando un futuro di Piero Bernocchi (Confederazione Cobas) De Gennaro: dal ‘Blue Block’ di Genova al controllo di tutta la sicurezza nazionale di Gigi Malabarba (già capogruppo Prc al Senato) Genova ieri e oggi di Alessandra Mecozzi (sindacalista Fiom)I mass media in guerra contro il movimento dei movimenti di Lorenzo Guadagnucci (Comitato Verità e Giustizia per Genova) E se riprendessimo a contestare il capitalismo? di Daniele Maffione (studioso di classe operaia e movimenti sociali) Il giugno femminista del 2001 (e non solo) di Monica Lanfranco (Giornalista, formatrice, attivista femminista) Venti anni di resistenza al capitale globale di Alberto Zoratti (Fair Watch – fra i facilitatori della Società della Cura) Genova: le ragioni di allora ancora più attuali oggi di Monica Di Sisto (Fair Watch – fra i facilitatori della Società della Cura) Presentazione della rete e delle iniziative a Genova 19/20 luglio 2021 di Genova 2021

Attac Italia compie 20 anni!

20 anni dalla parte dei Movimenti, contribuendo a smascherare le contraddizioni di un modello economico-sociale basato sul profitto e ad affermare la necessità del riconoscimento dei diritti individuali e sociali, dei beni comuni e della democrazia partecipativa. Clicca qui.

Come tassare i ricchi in quattro mosse.

Dopo Beppe Grillo che ha preso posizione a favore della patrimoniale, ospitiamo Marco Bersani di Attac Italia. Clicca qui. La proposta contiene quattro provvedimenti che produrrebbero  un gettito di 47 miliardi/anno per i prossimi tre anni, consentendo di avere le risorse necessarie per affrontare la crisi economica e sociale e per intraprendere la strada della trasformazione ecologica, sociale e culturale del modello di società.

Il processo andrebbe accompagnato da una radicale riforma fiscale complessiva, in sintonia con i principi stabiliti dalla Costituzione, e basata su tre pilastri:

a) no tax area (per i redditi fino a 10.000 euro);

b)una tassa progressiva individualizzata (come da modello tedesco);

c)un tetto massimo di aliquota pari al 65%.

Virus: o la Borsa o la vita.

Il conflitto è sempre quello, tra la Borsa (con la maiuscola) e la vita (con la minuscola)tra un’economia del profitto dove tutto è sacrificabile agli interessi di multinazionali e lobby finanziarie e una società che costruisca su diritti, beni comuni, natura e relazioni, un’alternativa socialista che garantisca un futuro degno a tutte le persone. Clicca qui la posizione di Attac.

Benetton United colors of predator.

A ruota di FCA, anche Benetton chiede 1,8 miliardi di finanziamenti a totale garanzia dello Stato. Eppure al gruppo Atlantia (che controlla Autostrade per l’Italia guadagnando 10 miliardi di dividendi) è stata revocata la concessione dopo il crollo del ponte Morandi, la cui ricostruzione è interamente pagata dallo Stato. Clicca qui il commento di Marco Bersani.

“La banda dei quattro”: Confindustria Lombardia, Associazione Italiana Ospedalità Privata (AIOP), Associazione Religiosa Istituti Socio-sanitari (ARIS) e Regione Lombardia.

“Un’alleanza autentica tra strutture sanitarie private accreditate e ospedali pubblici ha permesso di arginare l’emergenza che così violentemente ha colpito la Regione Lombardia. Il modello sanitario lombardo ha mostrato tenuta, coesione, collaborazione e straordinaria reattività, mettendo in campo le migliori competenze cliniche e scientifiche”.

Queste parole marcano la pagina pubblicitaria comprata  sui giornali di regime, dalla “banda dei quattrouna pagina-manifesto intitolata ancor più scandalosamente: “28.224 vite salvate in Lombardia” e piena di elogi per il contributo dato dalla sanità privata. Insomma, una vera e propria danza sui morti da loro procurati. Clicca qui Marco Bersani/Attac. 

Il coraggio di dire la verità sull’Ilva.

Salvate i bambini di Taranto

I governi  hanno delegato ad AcelorMittal  la scelta scomodissima di chiudere l’ILVA: clicca qui  Alessandro Marescotti Peacelink.

La prosecuzione della produzione di acciaio a Taranto non è l’unica scelta possibile: clicca qui ISDE Italia

L’Ilva uccide, non garantisce l’occupazione: clicca qui Marco Bersani Attac Italia

Cala la produzione ILVA e calano i dati dell’inquinamento: clicca qui il monitoraggio