Dibattito. L’anticapitalismo ecologico può essere l’erede del comunismo?

Evidentemente le contraddizioni in seno al popolo sono più tangibili di quelle che pur attraversano il capitalismo, se quest’ultimo vive di crisi mentre socialismo e soprattutto comunismo non sopravvivono alla esperienza russa. Dunque, con questa sconfitta (del movimento operaio) è superato il concetto di “anticapitalismo”? O è l’ecologia a smentire questo esito? E’ l’ecologia che si assume il compito di far coincidere la lotta per la giustizia sociale con la  lotta per la salvaguardia della Terra? Ma “anticapitalismo” è anche sinonimo di antagonismo alla proprietà privata. Lo è l’ecologia? Lo è quando si pone in alternativa tanto alla proprietà privata che statuale? Beni comuni o comunismo? Risponde a tante domande questo intervento di Guido Viale: clicca qui.

Ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri? E Marx non aveva previsto le pandemie.

Le disuguaglianze esplodono.  I 2.158 miliardari censiti nel 2017,  a fine luglio erano divenuti 2.189, con le loro ricchezze aumentate del 27,5% in appena quattro mesi. Come una manna, il Covid-19 ha allargato la forbice addirittura tra i Paperoni: quelli che hanno costruito le loro fortune su tecnologia e sanità hanno superato i colleghi dei settori tradizionali. La crisi innescata dal Covid-19 entro il 2021 farà cadere nella povertà estrema da 110 a 150 milioni di persone. Anche tra i Paesi più ricchi  l’1% dei suoi abitanti più ricchi guadagna nove volte il reddito del 10% più povero. I tassi di mortalità seguono questi trend. Uguale forbice per l’istruzione. Clicca qui Nicola Borzi.

Karl Marx sotto la lente della nonviolenza.

Quel Manifesto del partito comunista è il programma politico più letto nella storia dell’umanità, come l’Apologia di Socrate e il Discorso della Montagna ha nutrito la speranza e la lotta di liberazione d’innumerevoli esseri umani. La sua voce ancora ci parla e ci aiuta a capire noi stessi e il mondo, il nostro dolore e i nostri doveri, come quelle dei tragici greci, di Lucrezio, di Dante, di Cervantes, di Shakespeare, di Leopardi, di Virginia Woolf, di Simone Weil e di Hannah Arendt. Tutto l’essenziale del pensiero e dell’azione di chi si è battuto per la verità e la giustizia, di chi ha operato per il bene dell’umanità, è ancora vivo e vivificante, a condizione che tu sappia rileggerlo ed interpretarlo, sentirlo ed agirlo criticamente e concretamente, con la mente, il cuore, il braccio. Clicca qui Beppe Sini e Franco Fortini nel bicentenario della nascita di Karl Marx.