I Pfas danneggiano anche a livello cerebrale.

Dagli studi del professor Carlo Foresta, ordinario di Endocrinologia presso l’Università degli Studi di Padova, risulta che i Pfas agiscono a livello celebrare favorendo alterazioni congenite del sistema nervoso o disturbi comportamentali e/o neurologici come l’Alzheimer, l’autismo o disturbi dell’attenzione e iperattività. Le interferenze possano verificarsi già a livello dello sviluppo embrionale del sistema nervoso. Lo studio è stato condotto in due fasi. La prima su persone decedute e residenti nelle aree più esposte agli inquinanti, che ha dimostrato la correlazione tra l’esposizione agli inquinanti e le concentrazioni nel cervello. La seconda osservando, in laboratorio, gli effetti dell’esposizione ai Pfas di cellule staminali nervose.

Quando si parla di Pfas la maggioranza della popolazione pensa sia un problema legato alle note aree dell’alessandrino, vicentino, padovano e veronese. In realtà, l’inquinamento generale è diffuso quasi ovunque. Il motivo è che le principali fonti di esposizione per l’essere umano includono, oltre all’acqua potabile di zone inquinate, gli alimenti, la migrazione da pellicole e rivestimenti alimentari, i tappeti, l’abbigliamento, la polvere, la cera, i prodotti cosmetici. Dunque, anche l’inquinamento generale, seppur a più basse concentrazioni è molto diffuso e può determinare un accumulo tale da essere alla base di manifestazioni sanitarie associate, come riportato dalla corposa letteratura scientifica internazionale.

Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo.

Clicca qui numerosi contributi:
Io lo so… come includere le persone con autismo (continua…)
A colpi di bracciate, un abbraccio alle persone con autismo(continua…)
Oltre l’autismo: nuovi orizzonti (continua…)
Ad Aprile l’Autismo si Mostra (continua…)
Il tempo delle trattative sui diritti è scaduto (continua…)
Le scuole non spengano mai la luce sull’autismo (continua…)
Autismo e futuro (continua…)
Accendiamo una luce sull’autismo (continua…)
Viaggio nel mondo della persona con autismo (continua…)