La Conferenza Stato-Regioni scongiuri il tradimento del Governo per i PFAS.

Dopo il voltafaccia del Governo, clicca il video dell’Appello della popolazione ai Presidenti delle Regioni affinchè alla Conferenza Stato-Regioni siamo adottati per i PFAS i LIMITI ZERO delle emissioni, per i quali si era impegnato più volte lo stesso ministro all’Ambiente Andrea Costa prima che Solvay/Miteni dettassero al suo Ministero l’imposizione di limiti cancerogeni (20.000 nanogrammi per litro d’acqua).

Miniato da Giotto:  il tradimento di Costa serrato tra inquinatori e inquinati.

Dove Dante collocherebbe i Cinquestelle? E Beppe Grillo?

Abbiamo chiesto un incontro, urgente, al ministro all’ambiente Andrea Costa. Per sapere la verità. Vale il suo impegno solenne di fissare LIMITI ZERO alle emissioni dei PFAS? Oppure valgono i limiti cancerogeni che Solvay/Miteni hanno dettato al suo ministero? Ebbene, Costa non ha convocato né i piemontesi né i veneti. Brutto segnale. Procrastinare il volta gabbana a dopo le elezioni pare una furbizia che non salva i voti ai Cinquestelle. I grillini sono già accusati di tradimento ad ambiente e ambientalisti: Tav Valsusa, Tav Terzo Valico, TAP, Ilva, Acqua Pubblica, nonché alla pace e ai pacifisti.  Non ci voleva anche il tradimento PFAS. Dante colloca i traditori nella zona più bassa dell’Inferno, i più lontani da Dio. Infatti hanno violato il patto “di che la fede spezïal si cria”: rappresentano il peggio  della degradazione umana e nel gelido contrappasso sono retrocessi nella loro immobilità a “pietre umane”. Dante non perdona: “Mei foste state qui pecore o zebre!”. Lo faranno gli elettori Cinquestelle? perdoneranno la violazione del patto? in quale misura i grillini subiranno la legge del contrappasso? Il loro ex voto andrà all’astensione piuttosto che all’ancòra più immeritevole concorrenza. Magra consolazione. Ma a Beppe Grillo piacerà il Purgatorio, tra i pigri e gli accidiosi? 

Lettera all’ONU di 176 Scienziati di 33 Paesi.

Lettera aperta al Segretario generale delle Nazioni Unite su Covid-19, Sanità e Beni Pubblici Globali. Clicca qui.

Il vaccino e le cure contro il Covid non dovrebbero essere brevettati, dovrebbero essere messi a disposizione di tutti i cittadini del mondo senza differenze, come Bene Comune dell’Umanità. Invece nel campo della salute globale, ci sono tre cause profonde da eliminare come priorità: il diritto all’appropriazione privata degli organismi viventi a scopo di lucro, le tendenze nazionaliste xenofobe in materia di sicurezza, i meccanismi di finanza globale. Perciò si chiede all’ONU la revisione e l’approvazione delle seguenti tre iniziative: abbandonare la brevettabilità di qualsiasi vaccino Covid, promuovere un programma globale “Nuova finanza per la Sanità Universale”, creazione di un Consiglio di Sicurezza Mondiale per i beni comuni e pubblici globali (per cominciare: acqua, salute, conoscenza).

Contro l’intervento assistenziale del Governo che prolunga di pochi mesi l’agonia dell’ILVA.

bruciando centinaia di milioni di euro che sarebbero invece necessari per una riconversione del sistema economico. Oggi l’ILVA perde cento milioni di euro al mese. E’ un’azienda fallita da anni che non si sorregge più. Di fronte a questa evidenza bisogna  predisporre un piano B per salvare prima di tutto il lavoro di operai che con l’ILVA non arriveranno mai in pensione. Il Recovery Fund è una grande opportunità di riconvertire l’economia. Ma se si sprecheranno quei miliardi per ritardare la fine di un sistema insostenibile per l’ecologia e l’economia, il drammatico risultato sarà solo quello di scaricare sulle generazioni future costi economici e sanitari enormi, un  furto di futuro. La decarbonizzazione è uno spreco insensato: lo stabilimento è comunque fuori mercato,  è strategico solo per i politici.  Clicca qui PeaceLink.

La scomparsa di una guerriera dei diritti umani delle persone con disabilità.

Con la scomparsa di Rachel Kachaje, il movimento mondiale perde una delle sue figure più illustri, una donna che ha dedicato la vita a promuovere i diritti umani delle persone con disabilità, vivendo saldamente nel presente e combattendo per il futuro. Già Ministra per gli Affari della Disabilità e della Terza Età nel Malawi, il proprio Paese dell’Africa, Kachaje, che ha anche fondato il DIWA (Disabled Women in Africa), era divenuta nel 2015 presidente mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International). (continua…)

Terza stazione Alta Velocità di Venezia: progetto devastante.

Perciò differito al dopo elezioni. Esiste invece una proposta alternativa di connessione ferroviaria ad asta con stazione di testa” per treni locali che viaggiano in superficie, costa un quarto del “cappio” e si realizza in metà tempo, tre anni, buoni anche per le olimpiadi, riducendo al minimo scavi e cantieri. Clicca qui: fermare il cappio finchè siamo in tempo.

MoSE: promemoria per i governi.

Un’opera sbagliata che è stata approvata e ha potuto evolversi avvalendosi di un sistema corruttivo diffuso e ramificato, come è stato accertato dalle indagini della Magistratura. Il sistema MoSE è inutile pericoloso dannoso e incompatibile con il sistema lagunare e le attività portuali. Saranno i cambiamenti climatici ad affondare il MoSE. Bisogna bloccare i lavori , con varianti in corso d’opera.  Ecco la città ed il territorio che vogliamo: clicca qui.

Occupata raffineria ENI di Porto Marghera.

A conclusione del Venice Climate Meeting gli attivisti e le attiviste del Venice Climate Camp si sono diretti verso la raffineria ENI di Marghera.

L’azione di sanzionamento rientra nel percorso che da oggi vuole unire le tante realtà che hanno partecipato alla settimana di discussione e confronto.

Eni è tra le massime aziende italiane responsabili dell’estrazione dei carburanti fossili e delle emissioni clima alteranti.

Azione diretta contro chi provoca il cambiamento climatico.

È il momento di fermare chi sfrutta e devasta il pianeta.

Ci stiamo avvicinando all’autunno Covid di questo anno drammatico.

Sanità, salute ed elezioni regionali in questo documento dell’Eco Istituto Re-Ge: clicca qui. Esso intende parlare di Covid-19 in una prospettiva più ampia di politica  sanitaria.  E’ un documento di riflessione ma che contiene spunti e risvolti operativi. Particolare risalto viene attribuito ad un cavallo di battaglia del “Movimento di lotta per la salute Maccacaro”: “La prevenzione davvero determinante è quella ‘primaria’, che consiste nelle azioni sanitarie, sociali ed economiche tese a eliminare le cause delle malattie, cioè i fattori di rischio ambientali (es. fabbriche della morte, incenerimenti, smog), nonché le disuguaglianze sociali ed economiche che si riflettono in differenti attese di vita e salute”.

Clicca qui la lettera al Parlamento Europeo.

Il governo se ne lava le mani del TAP ma non la magistratura.

TAP (Trans Adriatic Pipeline): uliveti espiantati, fondali marini distrutti, pozzi avvelenati, inquinamento delle falde con nichel, arsenico, manganese, bromo e soprattutto cromo esavalente.  Il governo se n’è lavato le mani. Ma non la magistratura di Lecce, almeno per quanto riguarda la repressione del dissenso piuttosto che il perseguire i reati ambientali. Infatti 92 salentini che in questi anni si sono opposti alla devastazione del loro territorio vengono processati mentre i 19 imputati di TAP e appaltatori se ne stanno tranquillamente protetti da uno stuolo di avvocatoni. Portare i Movimenti alla sbarra nelle aule bunker è una prassi inaugurata per i NoTav in Valsusa, a esibizione che il diritto penale ambientale è strutturato per tutelare il profitto e l’impunità degli inquinatori. Tesi ampiamente dimostrata nelle 518 pagine di  “Ambiente Delitto Perfetto” di Barbara Tartaglione e Lino Balza, prefazione di Giorgio Nebbia. Anzi, il diritto penale diventa strumento per esercitare violenza piuttosto che combatterla. Avviene nel militarizzare il territorio e manganellare, trasformare le legittime azioni di nonviolenza in reati perseguibili, equiparare i movimenti per la difesa ambientale e sociale alla lotta armata di quasi mezzo secolo fa e alla criminalità organizzata di ieri e di oggi, e infine nel mettere i cittadini sul banco degli imputati e non su quello delle parti lese. Clicca qui “La bottega del Barbieri” 

La resistenza locale al mega-gasdotto TAP, un imponente progetto energetico europeo, sta subendo una dura repressione e criminalizzazione: studenti, madri, agricoltori, imprenditori locali sono sotto processo, con multe e spese legali sbalorditive:  240.000 euro di multe e 70.000 euro di spese legali. Alcuni rischiano addirittura il carcere e altre restrizioni alla loro libertà personale.  Sostieni la Cassa di resistenza No TAP ! La comunità salentina sta combattendo non solo contro il TAP, ma contro il disegno che l’Italia e il Mediterraneo diventino l’hub del gas europeo. Infatti, l’UE sta spingendo per la realizzazione di un nuovo mega gasdotto: l’Eastmed. Il tacco d’Italia non può essere una zona da sacrificare per l’importazione di gas fossile europeo; aiutaci a difendere la resistenza locale dalle ingenti multe e persecuzioni che vorrebbero fermarla.

Inquinamento atmosferico da navi.

Genova il porto delle nebbie

Diverse associazioni e comitati di città portuali italiane e del Mediterraneo stanno preparando una lettera per il Parlamento Europeo che verrà inviata prestissimo.  Venezia  ha già dato l’adesione all’iniziativa.  Il 14 settembre il Parlamento Europeo si riunirà in seduta plenaria per votare sulla modifica del Regolamento “MRV” sul monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni di CO2 generate dalle navi. Questa modifica, prevede principalmente di: – Aumentare la trasparenza del sistema di monitoraggio UE sulle emissioni del trasporto marittimo; – Estendere il principio “chi inquina paga” al trasporto marittimo, includendo quest’ultimo nel sistema europeo di scambio delle quote di emissione (ETS), come previsto dall’ European Green Deal; – Introdurre l’obbligo, per le compagnie di navigazione, di riduzione delle emissioni medie annue di gas serra del 40% entro il 2030; – Garantire che entro il 2030 le navi smettano di emettere inquinanti atmosferici nocivi e gas serra quando attraccano nei porti.

La PerugiAssisi diventa una Catena Umana di 25 km.

Le norme anticovid ci impediscono di svolgere manifestazioni in movimento ma non possono fermare il nostro impegno per la pace. Perché la pace non può aspettare. Domenica 11 ottobre la marcia diventa una Catena Umana. Invia la tua adesione al Comitato promotore Marcia PerugiAssisi, via della viola 1 (06122) Perugia – Tel. 075/5737266 – 335.6590356 – fax 075/5721234 email adesioni@perlapace.it – www.perlapace.it – www.perugiassisi.org

Il ministero dell’Ambiente se ne fotte degli impegni del suo titolare Andrea Costa?

Clicca la foto per vedere il video delle mamme incazzate.

Il  quale ha preso solenne impegno di abbassare i limiti dei PFAS a ZERO. Invece riscontriamo tutt’altro nella bozza di proposta di regolamentazione che appare redatta sotto dettatura della Solvay. Infatti, come spiegano le Mamme NoPfas: clicca qui pagina Facebook della rete stessa, se passasse questa  proposta ministeriale, i cancerogeni PFAS, che hanno effetti sulla salute a dosi bassissime, di nanogrammi/litro, potrebbero essere emessi superando qualunque soglia immaginabile. Addirittura per il C6O4, di cui Solvay pretenderebbe  l’autorizzazione AIA dalla Provincia di Alessandria, nei primi due anni si potrebbero  scaricare ben 7.000 nanogrammi/litro per poi “decrescere” fino a 500. Nella proposta i cittadini potranno essere esposti a concentrazioni di sostanze per-fluoroalchiliche fino a 19.530 nanogrammi/litro e per i decenni seguenti a 6.530 nanogrammi/litro. Altro che limite zero! Costa modifichi, oppure si dimetta.

Franca Carnevale, presidente Avis, che se ne fregò (insieme agli altri) del PFOA nel sangue.

Veleno  nel sangue dei lavoratori. Che a loro volta lo trasmettono con le trasfusioni.

Dodici anni fa mi replicò: “Fai allarmismo, non c’è motivo di preoccuparsi”. Oggi la ritroviamo al centro delle cronache. Non entriamo nel merito del pasticciaccio brutto delle attuali accuse di bilanci taroccati. Mi basta ricopiare la pagina 27 del quarto volume de “ L’avventurosa storia del giornalismo di Lino Balza”. (continua). Nel pasticciaccio brutto è coinvolto il vicepresidente  Francesco Galeone, per noi già famigerato  dipendente Solvay, delegato esecutivo Uil connivente in tutta la scandalosa faccenda Pfas.

Dieci anni fa: “Buttate via le pentole antiaderenti col Pfoa”.

Questo è il marchio (clicca qui) che pubblicizza indumenti e accessori prodotti senza l’utilizzo dei PFAS: “PFOA è un’acido perfluoroottanoico, viene usato come tensioattivo nella produzione dello strato superficiale dei tegami ed anche in tanti altri oggetti che abbiamo comunemente nelle nostre case.Causa gravi danni alla nostra salute se presente nel sangue, assorbito attraverso la respirazione o la digestione. Le pentole antiaderenti PFOA FREE non sono cancerogene, mentre il PFOA questo sì  estremamente dannoso per il fegato e per la tiroide soprattutto”.

“Riferite alle mogli e alle mamme di buttare vie le pentole antiaderenti col Pfoa”: così conclusi la relazione (in video sul Sito) “Dal Bormida al Delta del Po: Pfoa nell’acqua e nel sangue. Attacco micidiale alla biodiversità e alla salute tra allarmi e silenzi” che tenni  il 24 aprile 2010 presso l’Auditorium del Liceo Scientifico di Bormio per il  Convegno nazionale  sull’acqua, presenti  Adriano Licini, Angelo Tartaglia, Alberto Lucarelli, Corrado Oddi.

Se Londra fa estradare Assange sarà la fine della libertà di stampa in tutto il mondo.

Ci associamo anche noi, nel nostro piccolo, alla protesta internazionale. Clicca qui Kenneth Roth, direttore di Human Rights Watch, una delle più importanti organizzazioni internazionali per la difesa dei diritti umani. Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, dopo aver rivelato crimini di guerra e torture degli Usa, da nove anni non ha più conosciuto la libertà, mentre i criminali di guerra e i torturatori esposti da WikiLeaks non hanno passato un solo giorno in prigione. Non è un mondo alla rovescia?

Fuga di cloro ferragostano a Rosignano Solvay.

Dall’impianto Ipoclorito Inovyn. Solo nel pomeriggio i tecnici Asl del Dipartimento di Prevenzione; sono entrati per le verifiche nello stabilimento a rischio di incidente rilevante. Solo la mattina dopo, non appena appresa la notizia, ARPAT ha contattato il responsabile della Sicurezza che ha rassicurato che il rilascio “di aria” non ha provocato conseguenze per l’ambiente ma solo “irritazioni delle vie respiratorie a tre operatori di una impresa esterna, due dei quali trasferiti in ospedale” ovviamente in via precauzionale”. Solo a settembre si procederà alla verifica dell’esito delle attività di analisi dell’evento incidentale che l’Azienda sta effettuando. Evento ritenuto irrilevante da sindacalisti e ambientalisti locali che neppure l’hanno commentato.

Radio No Tav.

RADIO NO TAV va in onda ogni giovedì. Il programma ha origine come Radio Maddalena Libera, radio pirata che emetteva dalla Libera Repubblica della Maddalena, Val Susa, pianeta Terra. Ogni settimana approfondiamo avvenimenti di attualità sulla lotta e cerchiamo di socializzare tutte le informazioni utili a chi si batte contro il treno veloce, in Valsusa e altrove. (Continua) sulla newslettera di Doriella&Renato insieme al programma di tutte le prossime iniziative dalla Valsusa.

“Veleno” è un viaggio attraverso Taranto, città ostaggio dell’ILVA.

Qui  più che altrove ogni vita è provvisoria. Qui più che altrove non c’è tempo da perdere. Non c’è niente da perdere. Tiroiditi autoimmuni, dermatiti, endometriosi, forme infiammatorie artritiche o vascolari, allergie di ogni tipo, sindrome MCS (sensibilità chimica multipla), disturbi bipolari, malattie neurodegenerative, SLA, patologie genetiche, malformazioni alla nascita …. le statistiche ancora non misurano l’ infinita varietà di forme che a Taranto può assumere il dolore, che segue l’infinita varietà degli inquinanti chimici prodotti da Ilva, Eni, Cementir, Arsenale militare. Clicca qui il libro “Veleno” di Cristina Zagaria,  la battaglia di una giovane donna.  

L’avventurosa storia del giornalismo di Lino Balza.

Volume quarto, collocato ormai nella “democrazia digitale” forma spuria della “democrazia partecipata” dei decenni trascorsi , che gli accorti lettori di Edward Bellamy  ameranno chiamare con noi “Guardando indietro”. Clicca qui la prefazione. Il primo volume  aveva raccontato del “piccolo mondo antico”il secondo aveva ripreso  dagli anni ’80 e si era fermato  alle soglie del terzo millennio, perciò “nel mezzo del cammin”; il terzo volume aveva affrontato  il piccolo mondo moderno” del  primo decennio  2000.

La polio è quasi debellata nel mondo, resta la disabilità che ha provocato.

In Italia vivono 122.000 poliomielitici, la maggioranza al Sud, in piccoli centri. La poliomielite è oggi la patologia meno conosciuta e per questo più devastante di prima. La situazione è grave ed ha risvolti anche psicologici e sociali importanti. Si tratta infatti di migliaia di persone che, anche quando inserite in àmbito lavorativo e familiare, sono a rischio di perdere l’autonomia faticosamente conquistata, con conseguenze esistenziali e sociali drammatiche. Clicca qui.

Vecchio copione a Venezia: imprenditori e lavoratori contro cittadini.

Grandi navi nel porto, invece a Genova.

Ben lontana dai numeri annunciati, manifestazione, organizzata dagli addetti del porto crociere di Venezia e dai lavoratori dell’indotto, per chiedere la ripartenza delle “grandi navi da crociera” in laguna, anche tramite l’escavazione dei canali e il lancio del Mose.

Fumi neri a Falconara, l’ex sindaco e l’Amministratore di Api: “I cittadini sono teste di cazzo”.

“L’Italia un paese di merda che dà retta ai pezzi di merda come Emiliano, come Grasso, grillini, rifondaroli,  comitati ambientalisti”. “I Carabinieri sono dei rompi coglioni”. Le intercettazioni sono state effettuate dal Noe di Ancona, in merito all’inchiesta sulle emissioni a Falconara Marittima, nelle Marche, dal 2013 al 2018. Procedimento penale in corso. L’Api Raffineria ha risparmiato 7 milioni di euro non attuando il piano di contenimento delle emissioni. Tumori oltre soglia e inchieste della magistratura di AnconaClicca qui Maria Cristina Freddosio.