Processo per il disastro ecosanitario alla Solvay di Spinetta Marengo.

Il J’accuse di Lino Balza in Tribunale

Il 7 febbraio in Corte di Appello di Torino si apre uno dei processi ambientali più importanti d’Italia, “gemello” di quello di Bussi nel frattempo già deciso in secondo grado.

La sentenza di primo grado ha lasciato code velenose: spicca la clamorosa spaccatura dentro Medicina Democratica, con la Sezione di Alessandria che accusa di tradimento la Presidenza per non aver fatto ricorso in Appello a fianco del PM e aver abbandonato le vittime parti civili: clicca qui.

Sull’iter processuale di Torino invece potranno interferire, incrociandosi, due altri procedimenti giudiziari. L’avvocato di Solvay ha infatti deferito al Consiglio Superiore della Magistratura il Pubblico Ministero addirittura per concussione nell’ambito di una presunta associazione a delinquere dedita anche a tangenti, mentre per queste accuse presumibilmente diffamatorie lo stesso avvocato dovrà rispondere alla Procura della Repubblica di Milano. (continua)

Ambiente Delitto Perfetto. Teksid. Ennesima assoluzione amianto.

La Terza sezione penale della Corte d’Appello di Torino ha riformato la sentenza di primo grado: gli imputati della Teksid (ex Ferriere Fiat di Torino) sono stati assolti per la morte di 15 lavoratori perché il fatto non sussiste, per non aver commesso il fatto o per intervenuta prescrizione dei reati. La lotta per la salute e l’ambiente non si realizza nelle aule dei tribunali, anzi lì svanisce, come ampiamente documentato nel libro “Ambiente Delitto Perfetto”.

Ennesima sentenza amianto contro la salute e l’ambiente.

La Corte d’Appello di Milano ha emanato nuova sentenza assolutoria, confermando la pronuncia di primo di grado emessa dal Tribunale, a favore degli imputati della ex ENEL di Turbigo, centrale termica che impiegava grandi quantità di amianto, con la morte di 8 lavoratori per mesotelioma. Medicina democratica non si è sottratta a partecipare all’Appello pur penalizzata a sopportare il pagamento delle spese processuali, proseguirà in Cassazione.  

L’avvocata di Medicina democratica Laura Mara si difende sui giornali dalle accuse della Sezione di Alessandria.

Su La Stampa (clicca qui) afferma: “In Appello sosterrò la Pubblica accusa”. Notizia falsa. Il PM in Appello Solvay ha fatto ricorso contro la sentenza di primo grado ribadendo il reato di avvelenamento doloso della falda e dolosa omessa bonifica: 16 anni di reclusione per gli amministratori. Medicina democratica (ovvero l’avvocata con il presidente) invece in Appello sosterrà, contro il PM, la conferma della sentenza di primo grado: assoluzione degli amministratori e risarcimenti nulli o irrisori alle Vittime. L’aveva scritto la stessa avvocata: clicca qui la sua mail. E’ inequivocabile.  
Clicca qui La Stampa “Disaccordi sull’appello Ausimont-Solvay. Via dopo 40 anni dal direttivo di Medicina democratica”
Clicca qui Il Piccolo “La sentenza e le dimissioni da Medicina democratica”
Clicca qui CorriereAl “Spinetta alla luce della sentenza di Bussi”

Sarebbero più credibili i politici, tutti affaccendati nelle liste elettorali, se riempissero l’immancabile titolo “Ambiente” del loro programma con la bonifica del sito Solvay di Spinetta Marengo, uno dei più inquinati in assoluto d’Italia.

Non basta un “bravo” al PM per il suo ricorso alla Corte di Appello per ribaltare la sentenza scandalosa di primo grado. Occorre nel frattempo approntare gli strumenti tecnici e politici per agire senza perdere ulteriore prezioso tempo. Le nostre proposte concrete per la salute della Fraschetta sono invano depositate… (continua)
Clicca qui CorriereAl “Politici e bonifica di Spinetta Marengo”
Clicca qui Alessandria Magazine “La questione più importante per Alessandria è la bonifica del sito di Spinetta Marengo, uno dei più inquinati in assoluto d’Italia”
Clicca qui Pennatagliente “Sarebbero più credibili i politici”

Montedison & Solvay. Prima sentenza in Appello per uno dei due processi gemelli di Spinetta Marengo e Bussi.

Erano state assolutorie entrambe le sentenze in primo grado. Ma l’Aquila ribalta la sentenza di Chieti e condanna gli amministratori. Avverso al tribunale di Alessandria, il PM in Appello a Torino chiede per gli stessi amministratori la condanna a 16 anni di reclusione. Ad Alessandria Lino Balza si dimette in polemica con la presidenza di Medicina democratica che non ricorre in Appello e danneggia le Vittime Parti civili: invece la scandalosa sentenza può essere capovolta senza incorrere nelle prescrizioni, e imponendo la bonifica.
Clicca qui il commento della Sezione di Medicina democratica di Alessandria.
Clicca qui Il Fatto Quotidiano “Discarica dei veleni, sentenza ribaltata: condannati in dieci”.
Clicca qui CorriereAl “Bussi e Spinetta processi gemelli”
Clicca qui La Repubblica “Bussi, disastro colposo aggravato: dieci condannati e risarcimento per 3,7 milioni di euro”.
Clicca qui Pennatagliente “Bussi e Spinetta processi gemelli”
Clicca qui Il Fatto “La corte d’appello: ci fu avvelenamento colposo delle acque”.
Clicca qui Alessandria Post “Lino Balza: Spinetta alla luce della sentenza di Bussi”
Clicca qui Il Corriere della Sera “Discarica di Bussi: sentenza capovolta in appello”
Clicca qui CorriereAl “Spinetta alla luce della sentenza di Bussi”
Clicca qui IlSole24Ore “Avvelenamento colposo, ribaltata la sentenza di I° grado sulla discarica dei veleni di Bussi”.
Clicca qui Agora Magazine “Bussi e Spinetta processi gemelli”
Clicca qui Il Messaggero “Bussi, 10 condanne per la discarica dei veleni”
Clicca qui Agipapress “Alessandria: Bussi e Spinetta processi gemelli”

“Medicina democratica si divide” titola Il Manifesto.

In un articolo su Il Manifesto (clicca qui) e su gli altri giornali Barbara Tartaglione ha espresso il parere che la sentenza per Viareggio è “dignitosa ma insoddisfacente” mentre quella di Spinetta Marengo è “scandalosa”, ma ancora più scandaloso è che la presidenza di Medicina democratica l’abbia giudicata “soddisfacente” e non abbia fatto ricorso in appello a fianco del PM.

Il vicepresidente replica che (continua)

Per Montedison e Solvay, avvelenamento delle falde, i PM in Appello chiedono le stesse pene del processo di primo grado.

Per Bussi (Pescara) 12 anni e 8 mesi di reclusione a Carlo Cogliati (ex presidente, anche a Spinetta), 11 anni per Leonardo Capogrosso e Maurilio Aguggia, 12 per Luigi Guarracino, tutti ex direttori a Spinetta Marengo, 11 anni per Salvatore Boncoraglio. Con Boncoraglio, Guarracino è stato condannato ad Alessandria a 2 anni e 6 mesi, intanto è diventato direttore della Miteni a Trissino (Vicenza) dove è in corso un processo per avvelenamento da PFOA (come a Spinetta). Altri ex di Spinetta: Nicola Sabatini (4 anni) e Bruno Parodi (7 anni).

Per Spinetta Marengo (Alessandria) il PM chiede in Appello la conferma del capo di imputazione con condanne fino a 18 anni (Carlo Cogliati, ex presidente anche di Bussi). Il presidente di Medicina democratica invece non ricorre col PM e chiede la conferma della sentenza di primo grado assolutoria dei vertici e con risarcimenti nulli per la bonifica nonchè insultanti per le vittime parti civili: per protesta Lino Balza si dimette dal Consiglio direttivo dell’associazione e apre causa civile per conto proprio.

Per Bussi il Fatto Quotidiano ha svelato le pressioni subìte dalla Giuria svelando anche un presunto giro di tangenti. Tangenti sono state anche denunciate in udienza ad Alessandria e sono al vaglio del Consiglio superiore della magistratura e della procura di Milano.

Ampie notizie si trovano sul nostro Blog, mentre capitoli sono stati dedicati sul nostro libro “Ambiente Delitto Perfetto” .

Due posizioni antitetiche di Medicina democratica per l’Appello Solvay.

  

La posizione della Sezione dovrebbe, avrebbe dovuto, essere la determinante in quanto è la Sezione, non altri, che sul territorio per 40 anni, pagando salati prezzi personali, ha condotto le lotte denunciando ripetutamente gli inquinamenti e le vittime degli inquinamenti, a cominciare dall’avvelenamento doloso delle falde, e proponendo invano agli Enti locali gli strumenti per contrastarli ed eliminarli, tramite l’Osservatorio ambientale della Fraschetta. L’approdo del processo in Corte di Assise non è stato altro che un risultato delle lotte della Sezione di Alessandria, non di altri. Perciò la Sezione ritiene di essere l’unica ad avere legittimo titolo storico a pronunciarsi sul merito della sciagurata sentenza di primo grado e sull’appello. Non ha purtroppo la Sezione titolo giuridico per impugnare la sentenza, il quale compete al presidente che invece non farà opposizione. Lino Balza, in quanto parte lesa, ha titolo di esercitare il ricorso, e infatti lo farà, revocando il mandato all’avv. Laura Mara. Ad Alessandria, e non solo, Lino Balza è pur sempre l’identificazione quarantennale di Medicina democratica e tale resterà: speriamo sia sufficiente a salvaguardare l’immagine e la prospettiva dell’Associazione. (continua)

Medicina democratica si appellerà contro la scandalosa sentenza Solvay di Spinetta Marengo sostenendo l’avvelenamento doloso delle acque (art. 439).

La Corte aveva a disposizione innumerevoli prove di “dolo”. Ne bastava una: l’avviso “Acqua non potabile” era solo nel bagno dei dirigenti, non c’era nel resto della fabbrica, né sopra ai rubinetti di Spinetta, né a fianco dei pozzi del territorio. Continua

Clicca qui Silvana Mossano “Trentamila pagine di inchiesta e udienze segnate da colpi bassi. I veleni finiti nelle falde di Spinetta”.
Clicca qui Corriereal “Medicina Democratica: Ricorreremo in appello contro la sentenza sul polo chimico di Spinetta Marengo”
Clicca qui Rete Jonica Ambientale “Medicina Democratica si appella contro la sentenza Solvay di Spinetta Marengo”
Clicca qui Alessandrianews “Medicina democratica: sentenza deludente e preoccupante, ricorreremo in appello”
Clicca qui Città Futura on-line “Sentenza area ex Ausimont. Da rivedere”
Clicca qui Alessandria Post “Medicina Democratica si appellerà contro la sentenza Solvay di Spinetta Marengo”Sentenza area ex Ausimont. Da rivedere.Sentenza area ex Ausimont. Da rivedere.

Solvay a tutto campo. Si incrociano in questi giorni i processi gemelli di Spinetta Marengo e Bussi.

A Chieti la Procura ha chiesto l’annullamento della sentenza e la riapertura del processo perché “è stata stravolta la lettera e la ratio della norma incriminatrice di avvelenamento delle acque”. Ad Alessandria la Procura farà altrettanto dopo aver preso atto delle motivazioni? Inoltre entrambi i processi lasciano dietro di sé clamorose code velenose, ben documentate sul libro “Ambiente Delitto Perfetto”. In sintesi. Per Bussi dovrà pronunciarsi il Consiglio Superiore della Magistratura in quanto la sentenza, derubricata da dolo a colpa, è altamente sospetta di pressioni indebite del presidente della Corte di Assise su alcuni membri della Giuria minacciati della loro rovina economica. Per Spinetta Marengo la Corte di Assise ha disposto la trasmissione alla Procura di Milano delle accuse presumibilmente diffamatorie, compresa la concussione, a carico del Pubblico Ministero; questa coda si incrocia con un altrettanto clamoroso atto giudiziario: l’avvocato leader Solvay chiede a sua volta il deferimento del PM al Consiglio Superiore della Magistratura proprio per concussione, e non solo. Cose mai viste. (continua)

La Corte di Assise di Alessandria fa la grazia alla Solvay.

Alcuni articoli giornalistici hanno trascurato, quando non ignorato, il comunicato stampa della Sezione provinciale di Medicina Democratica che si è scandalizzata per la sentenza Solvay. Gli avvocati invece, accusa e difesa, sono come i politici ad ogni elezione: si dichiarano tutti sempre vincitori. In verità solo i legali degli industriali possono fregarsi le mani. La Legge non è uguale per tutti. (continua)

Clicca qui Maurizio Marchi Medicina democratica Livorno “Solvay condannata ad Alessandria, pene lievi per disastro ambientale. E a Rosignano?
Clicca qui Silvana Mossano “Cromo nelle falde a Spinetta. Condannati quattro dirigenti per disastro colposo”
Clicca qui Monica Gasparini “Avvelenamento nelle falde: la Corte condanna ma riconosce solo la colpa”
Clicca qui Il Piccolo “La sentenza ha comunque accertato  il verificarsi di un disastro ambientale”
Clicca qui “Le prime reazioni tra le famiglie e i malati di Spinetta sconcertati, oggi c’è delusione”
Clicca qui La Stampa “Cromo nelle falde. Alessandria disastro colposo. 4 condanne”
Clicca qui Silvana Mossano “L’impulso alle bonifiche? E’ partito dal processo”
Clicca qui La Stampa “Solvay: per la Corte c’è disastro ma esclude l’avvelenamento”

Deludente e preoccupante la sentenza Solvay di Spinetta Marengo.

4 assolti su 8 imputati. Condanne di 2 anni e 6 mesi invece che di 18, risarcimenti in proporzione. Il disastro ambientale equiparato ad incidente per attraversamento con il rosso. Non dolo ma colpa. Facile la prescrizione. I vertici assolti: estranei all’inquinamento. I condannati: non ne erano consapevoli… anche se avevano cercato di nasconderne le prove (con i vertici). Vittime della sentenza: le parti civili ammalate e morte, gli abitanti inquinati del territorio, il mondo ambientalista disarmato. Vittima la giustizia, insomma. (continua)

Clicca qui Pennatagliente “La sentenza Solvay: una vergogna senza pari”
Clicca qui Rete Nazionale Sicurezza sul Lavoro e Territori MI/GE/BG “Processo Solvay: ennesima sentenza vergognosa! reato derubricato a colposo e assoluzioni per i vertici. ma non può finire così…”
Clicca qui Corriereal “Inquinamento polo chimico: l’ora della sentenza”
Clicca qui AlessandriaNews “Polo Chimico: quattro condanne per disastro colposo”
Clicca qui diAlessandria “Medicina Democratica sulla sentenza Solvay di Spinetta Marengo”

Il libro “Ambiente Delitto Perfetto” anticipa la sentenza Solvay.

In Corte di Assise il prossimo 14 dicembre, dopo 7 anni di udienze. Per gli avvocati una sentenza di rilevanza giuridica nazionale. Per le vittime la prova che sia resa finalmente giustizia, che “La legge è uguale per tutti”.  Continua.

Clicca qui Pennatagliente “Processo Solvay ad Alessandria. manifesto della rete nazionale per la sicurezza e salute sui posti di lavoro e sul territorio”
Clicca qui Agoramagazine “Alessandria – Gli occhi del mondo ecologista sulla prossima sentenza del processo Solvay di Spinetta Marengo”

Il libro, che analizza la genesi delle motivazioni della sentenza, sarà inviato a chi ne farà richiesta a linobalzamedicinadem@gmail.com

Solvay ama i cittadini. Alla faccia del bicarbonato di sodio.

Solvay ha fatto pubblicare sui giornali questa inserzione pubblicitaria in coincidenza con l’udienza del processo in Corte di Assise affinché i giurati sappiano, proprio mentre stanno per emettere la sentenza, quanto i cittadini amino la multinazionale belga. Perché Solvay ama i cittadini: sentimento reciproco. Lo sanno bene i giurati ad Alessandria che l’hanno appreso in questi anni durante decine e decine di udienze, dai testimoni prima ancora che dalle indagini epidemiologiche sui tumori. E lo sanno bene anche senza cliccare su Google interrogando “Inquinamenti Solvay”: pagine e pagine di disastri e morti in ogni parte del globo. “Alla faccia del bicarbonato di sodio” è l’esclamazione, piuttosto che di Totò, e per chi crede nell’aldilà, che rimbomba nella tomba monumentale di Ernest Solvay.

18 dirigenti condannati per l’amianto.

Accusati di omicidio colposo per la morte di 44 lavoratori del cantiere navale Fincantieri di Monfalcone, condannati dal tribunale di Gorizia per complessivi 110 anni di reclusione e 1,3 milioni di euro di risarcimenti. Nel primo processo erano già stati condannati 13 imputati per la morte di altri 85 lavoratori. Medicina democratica parte civile.

Amianto Pirelli: 11 condanne.

Omicidio colposo aggravato. Ruolo attivo di Medicina democratica nel processo.  Clicca qui.

Clicca qui Il Fatto Quotidiano “Pirelli, 11 condanne per morti e tumori da amianto. C’è anche fratello di Veronesi”
Clicca qui La Stampa “Morti d’amianto nella fabbrica Pirelli, condannati 11 ex manager”
Clicca qui Ansa “Amianto: condannati undici ex dirigenti Pirelli”
Clicca qui Controlacrisi “Amianto, condannati dirigenti della Pirelli. Soddisfazione della Cgil di Milano”
Clicca qui Il Manifesto “Amianto, condannati ex dirigenti della Pirelli”
Clicca qui Associazione Italiana Esposti Amianto “11 dirigenti Pirelli condannati per omicidio colposo”
Clicca qui Il Sole 24 ore “Amianto, condannati 11 ex dirigenti Pirelli”

Solvay killer anche in aula giudiziaria.

Denuncia il Pubblico Ministero al Consiglio superiore della Magistratura. Si inventa un complotto ai suoi danni: un intrigo internazionale “dei poteri forti” ordito dai congiurati Ausimont, Arpa, carabinieri Noe, Comune, Provincia, Regione, giunte di sinistra e di destra, amministratori e funzionari, Montedison, Edison, Eridania, Coopsette, Esselunga, associazioni ambientaliste. Tutti dediti a tangenti e mazzette. Il Pubblico Ministero diventa il deus ex machina dei congiurati. Una “denuncia” che è una cazzata di fatto e in diritto ma che ha l’ambizione di inceppare i meccanismi giudiziari. Continua a leggere.

Clicca qui La Stampa “Bordate di Solvay sono intimidazioni”
Clicca qui Pennatagliente “Solvay killer anche in aula giudiziaria”

Ultima udienza del processo Solvay. Perchè gli 8 imputati devono essere condannati.

La Corte di Assise di Alessandria avrà il fegato di applicare una buona volta questo desaparecido articolo 439 del Codice penale e condannare per il reato di dolo, in controtendenza nazionale alle sentenze vergognosamente assolutorie (reati di colpa, prescrizioni) dietro le quali si nascondono gli avvocati Ausimont e Solvay? Cosa dicono questi famosi avvocati: continua.
Secondo noi invece gli 8 imputati devono essere condannati:
1) per essere essi stati a conoscenza dell’esistenza di enormi discariche tossiche e cancerogene, illegittime e non autorizzate;
2) per aver omesso la manutenzione della rete idrica dello stabilimento provocando enormi dilavamenti delle sostanze inquinanti;
3) per non aver fatto il necessario per eliminare o solo ridurre l’inquinamento;
4) per aver avvelenato le falde sotterranee dentro e fuori lo stabilimento, nonché l’acquedotto di Alessandria, provocando gravi danni alla salute dei lavoratori e dei cittadini e dell’ambiente agricolo;
5) per aver direttamente somministrato acqua avvelenata a lavoratori e cittadini;
6) per aver omesso di segnalare agli enti pubblici il reale contenuto delle discariche e la reale portata dell’inquinamento sia del sito che delle falde;
7) per aver dolosamente errato e omesso e nascosto alle autorità i dati relativi alla esistenza e alla consistenza delle discariche, allo stato di contaminazione delle falde, alla omessa bonifica. 

L’incompetenza scientifica dei giudici in materia di reati ambientali.

L’archiviazione-prescrizione-assoluzione del Gip Paolo Bargero impedisce addirittura l’avvio, a carico del sindaco di Alessandria, del procedimento penale promosso ben 9 anni prima da Medicina democratica con denuncia per omissioni di atti di ufficio nella tutela della salute pubblica. Viene così rilasciata licenza di impunità a tutti i sindaci presenti e futuri, che è anche la condanna ai cittadini di ammalarsi e morire per lo smog urbano. L’escamotage del PM Giancarlo Vonacontinua

Clicca qui Corriereal “L’incompetenza scientifica dei giudici in materia di reati ambientali.”
Clicca qui Pennatagliente “L’incompetenza scientifica dei giudici in materia di reati ambientali.”
Clicca qui Alessandria Post “L’incompetenza scientifica dei giudici in materia di reati ambientali.”
Clicca qui Rete Jonica per l’Ambiente “L’incompetenza scientifica dei giudici in materia di reati ambientali.”

Processo Solvay Spinetta Marengo. Una giustizia ingiusta verso le vittime.

Il processo si sta concludendo dopo 8 anni: che la Giustizia sia lenta, dunque ingiusta verso le vittime, è assodato. Che meriti la maiuscola: staremo a vedere la sentenza. In questo processo, come in tutte le tragedie, al dramma delle vittime si è alternata spesso la farsa dei protagonisti legali, non a caso le nostre cronache ospitano sovente la satira. Nell’ultima udienza mancavano solo le luci psichedeliche nell’aula del tribunale.Continua.

Clicca qui La Stampa “Ausimont-Solvay in Corte d’Assise: inammissibile ogni risarcimento. I difensori insistono sull’infondatezza del dolo”.
Clicca qui Il Piccolo “Processo al polo chimico, le repliche”.
Clicca qui Alessandrianews “Polo chimico: per la difesa nessun diritto ai risarcimenti”

Sentenza Solvay attesa ad Alessandria. C’è fiducia nella Giustizia?

Se ascolti gli addetti ai lavori, gli avvocati, la disputa sembra se il dolo dell’articolo 439 riguarda solo i terroristi che versano cianuro nei tubi dell’acquedotto o anche i dirigenti d’azienda che consapevolmente versano cancerogeni nelle falde acquifere. Se invece interroghi la gente, ti rendi conto del grado di fiducia che c’è nei confronti della Giustizia con la maiuscola.  Continua.

Clicca qui Piero Bottino “Al processo a stomaco vuoto”.
Clicca qui Pennatagliente “Sentenza Solvay attesa ad Alessandria. C’è fiducia nella giustizia?”
Clicca qui Corriereal “Processo Solvay: i potenti resteranno impuniti?”
Clicca qui Rete Jonica per l’Ambiente “Sentenza Solvay attesa ad Alessandria. C’è fiducia nella giustizia?”
Clicca qui Cobas Pisa “Sentenza Solvay attesa ad Alessandria. C’è fiducia nella giustizia?”
Clicca qui Pontinia Ecologia e Territorio “Sentenza Solvay attesa ad Alessandria. C’è fiducia nella giustizia?”
Clicca qui Alessandria Post “Sentenza Solvay attesa ad Alessandria. C’è fiducia nella giustizia?”

L’ipocrisia della Solvay.

Al processo in Corte di Assise i dirigenti inquinatori di questa società, che rischiano 16 anni di reclusione, fanno un accanito tiro al piccione espiatorio contro il direttore defunto e non condannabile. Intanto osannano il suo nome per la corsa podistica “11° Trofeo Solvay-Memorial Corrado Tartuferi“.

127 anni di reclusione per 8 imputati al processo Solvay in Corte di Assise di Alessandria.

Avvelenamento doloso della falda e dolosa omessa bonifica. Dopo la requisitoria finale del PM Riccardo Ghio, Laura Mara di Medicina democratica è l’unico avvocato di parte civile che prende la parola per controbattere l’esercito dei difensori Solvay. Poco prima avevano reso dichiarazioni spontanee e commosse tre degli otto immacolati benemeriti imputati. Per chiedere perdono alle vittime? Commossi per la presenza di vedove in aula? Continua.

Clicca qui Il Piccolo “Polo chimico, processo verso la conclusione”
Clicca qui Monica Gasparini “Si torna in aula con le repliche. Avvelenare significa mettere in atto una condotta idonea a ledere una persona”
Clicca qui Emma Camagna “Gli alti dirigenti Ausimont: siamo imputati senza colpe. Il PM replica: nascosta la gravità dell’inquinamento delle falde”
Clicca qui Alessandrianews “Processo polo chimico, la sentenza prima dell’estate”
Clicca qui Alessandria Post “Tre scendono dalla croce al processo Solvay in Corte d’Assise di Alessandria”

20 aprile La Corte di Assise di Alessandria riprende il processo Solvay. Mentre la classe politica locale fa orrore.

Se clicchi qui, ti aggiorni su interventi e iniziative di Medicina democratica durante questi mesi di sospensione delle udienze. Innanzitutto sull’ennesimo incidente al polo chimico di Spinetta Marengo, il silenzio sui danni alle persone, l’ulteriore contaminazione delle falde, l’effetto domino in grado di provocare una catastrofe industriale con migliaia di morti, i politici che scoprono l’acqua calda: manca il Piano di emergenza. I politici ignorano la nostra denuncia dei veleni nel sangue dei lavoratori e dei cittadini e non avviano l’Indagine epidemiologica; men che mai promuovono una Commissione scientifica internazionale che garantisca un vero Progetto di bonifica della bomba ecologica della Fraschetta. Anzi, si dispongono a rinunciare alla bonifica in cambio di un ponte sul Bormida. Perciò Rita Rossa sfiora la vittoria al Premio Attila, ma anche gli altri sindaci della Fraschetta se ne fregano della salute della popolazione. 

Clicca qui Citta futura “E i politici scoprirono l’acqua calda”
Clicca qui Alessandrianews “Incidente Arkema tanti forse nessun perché”
Clicca qui Corriereal “La classe politica locale fa orrore”
Clicca qui La Stampa “Piano d’emergenza. Si aspetta il morto?”
Clicca qui Pennatagliente “La classe politica locale fa orrore”

Medicina democratica ricorre per la fecondazione eterologa.

Presentato ricorso contro la delibera della regione Lombardia che stabilisce che le donne che si rivolgeranno ad un Centro dove si pratica la PMA (Procreazione Medicalmente Assistita), per ottenere la fecondazione eterologa, dovranno pagare l’intero costo della prestazione.
Clicca qui il comunicato stampa di Medicina democratica

Processo Marlane: sentenza fotocopia di quella vergognosa Eternit.

Assolti gli imputati perchè “il fatto non sussiste”. 107 morti non sussistono. Nè gli altri che ancora stanno morendo. Ma non finisce qui: Medicina Democratica proporrà appello e, se del caso, ricorso alla Corte Europea dei diritti dell’uomo.
Clicca qui il comunicato stampa.
Clicca qui Il Manifesto “Tra gli imputati principali il conte Marzotto”
Clicca qui Il Fatto Quotidiano “Marzotto assolto, tumori calabresi senza risposte”.

Solvay sfida i giurati della Corte di Assise di Alessandria: “Non avrete il fegato di condannarci”.

Gli avvocati portano la croce Solvay e cantano

Art. 439 del codice penale: “Chiunque avvelena acque destinate all’alimentazione, prima che siano attinte o distribuite per consumo, è punito con la reclusione non inferiore a 15 anni”. Sarebbe la giusta pena per un delitto contro la collettività. Eppure Solvay sfida i giurati della “provincialotta” Corte di Assise di Alessandria: “Non avrete il coraggio di condannarci per l’articolo 439 dacché nessuno in Italia l’ha mai applicato perché in Italia non c’è mai stato un caso di avvelenamento doloso delle acque”. Continua

Clicca qui La Stampa “Continua l’attacco della difesa Solvay. Al pm: allarmista!”
Clicca qui Alessandrianews “Processo polo chimico: Difesa Solvay: accuse e falsità”
Clicca qui Pennatagliente “Solvay sfida i giurati della Corte di Assise di Alessandria: “Non avrete il fegato di condannarci”.
Clicca qui Agorà magazine “Nella provincialotta Corte d’Assise lo spettacolo disgustoso di chi difende l’inquinatore”

E se la sentenza Solvay si ispirasse alla sentenza Eternit?

Il pool di avvocati della multinazionale belga ci sta studiando. Ha incominciato, con tanto di appello ai giurati popolari in Corte di Assise ad Alessandria, a contrapporre il diritto alla giustizia. Obbiettivo far saltare l’imputazione dell’art. 439 c.p.p.: “Chiunque avvelena acque destinate all’alimentazione, prima che siano attinte o distribuite per consumo, è punito con la reclusione non inferiore a 15 anni”. Sarebbe la prima condanna in Italia, dicono. Continua

Clicca qui La Stampa “La difesa della Solvay. Accuse? Pregiudizi. Solvay è innocente”
Clicca qui Il Piccolo “Polo chimico: quel duro attacco all’accusa”
Clicca qui Alessandrianews “Processo polo chimico. Solvay torna a puntare il dito contro Ausimont e enti”
Clicca qui Pennatagliente “Il diritto come strumento di giustizia anche per Solvay”
Clicca qui I cittadini prima di tutto “Il diritto come strumento di giustizia anche per Solvay”
Clicca qui Piercarlo Lava Blog “E se la sentenza Solvay si ispirasse alla sentenza Eternit?”
Clicca qui Agorà Magazine “E se la sentenza Solvay si ispirasse alla sentenza Eternit?”
Clicca qui Marco Spezia “E se la sentenza Solvay si ispirasse alla sentenza Eternit?”

Italia infame: strage Eternit = 3000 morti, nessun colpevole! VERGOGNA!!!!!!!!!!

Con la Cassazione nel ruolo di Ponzio Pilato, che “annulla la condanna per disastro doloso (18 anni) e il risarcimento (93 milioni) al magnate svizzero del cemento, per intervenuta prescrizione”.Con i parenti delle vittime annichiliti e con il dolore rinnovato .
Con le numerose associazioni italiane (Associazione Famiglie Vittime Amianto, AIEA, Medicina Democratica, Cobas) e straniere (ADVARM- francese; ABREA- brasiliana, inglesi, belghe) denuncianti il “sistema Italia” che lascia impuniti i crimini padronali, reiterando così la licenza di uccidere (vedi smaltimento rifiuti industriali affidati alle mafie; cicli chimico- petrolchimico-siderurgico-cementiero-costruzioni-rifiuti urbani).
Con la beffa della condanna alle spese legali di Inail+Inps, parti civili nel processo: i 280 milioni di prestazioni-cure forniti da Inail ai lavoratori colpiti da mesotelioma non si recuperano più.

Clicca qui il comunicato stampa di Medicina democraticaClicca qui “E’ finita così con un’altra vergogna!!!”
Clicca qui “Calpestati i nostri morti”
Clicca qui “Ma la battaglia deve continuare”
Clicca qui “Le urla dopo la sentenza: Vergogna”
Clicca qui “Eternit: 2154 morti, tutto prescritto. La Corte cancella pure i risarcimenti”
Clicca qui “Condanne cancellate per i giudici è prescrizione”
Clicca qui “Caduta nel vuoto l’ultima supplica delle parti civili”
Clicca qui “Amianto la strage impunita. Nessuno paga per i morti”
Clicca qui “Romana Blasotti: non riesco più neanche a piangere”
Clicca qui “Guariniello pronto a rilanciare con il processo bis per omicidio”
Clicca qui “Stephan Schmidheiny, il padrone dell’Eternit, assolto: suprema vergogna”
Clicca qui “Lo stato borghese annulla le sentenze di condanne per i padroni assassini”
Clicca qui Le foto del presidio in cassazione per la sentenza del processo.
Clicca qui “Eternit: quando il business conta più della vita”
Clicca qui “Tutto prescritto tranne i morti”
Clicca qui “Una storia secolare”
Clicca qui “Una decisione pilatesca che sconcerta tutti”
Clicca qui “Sì, la Corte poteva decidere diversamente”
Clicca qui “Si procede per omicidio”
Clicca qui “Non so quando, ma io sarò il prossimo morto”
Clicca qui “Non c’è diritto senza giustizia”
Clicca qui “Nei cortili e sui tetti c’è ancora l’amianto a Casale”
Clicca qui “La regola dell’ingiustizia”
Clicca qui “Il reato è prescritto, il mio dolore no”
Clicca qui “Il mesotelioma non perdona”
Clicca qui “I supremi giudici hanno sbagliato, il reato non è estinto”
Clicca qui “I casalesi provano a reagire”
Clicca qui “Guariniello rilancia e punta sull’omicidio”
Clicca qui “Chiederemo un messaggio anche a papa Francesco”
Clicca qui “Guariniello chiude l’inchiesta bis”
Clicca qui “Sofferenza per la decisione della Cassazione”
Clicca qui “L’ultima vittima seppellita sabato”
Clicca qui “Un coro unanime di dissenso”
Clicca qui “Casale è morta un’altra volta, ma la battaglia non finisce”

Le vittime dell’ecocidio di Spinetta Marengo: De Laguiche, Cogliati e compagnia bella di Solvay, sapete dove dovete mettervela la vostra “solidale umana pietà”?

In Corte d’Assise di Alessandria , il difensore dell’amministratore delegato di Solvay dà lezioni morali alle parti civili, si rivolge direttamente alle vittime, lavoratori e cittadini, ammalati ed eredi dei defunti: Umana solidale pietà, ma non posso non esprimere tutto il mio disagio morale nei vostri confronti per le vostre (immorali) richieste di risarcimento, trascinati come siete stati da burattinai (immorali avvocati, immorale PM), qui in quest’aula a mettere in scena (immorali) teatrini del dolore, sceneggiate di vedove e orfani, recital di lacrime e sofferenze, per morti e malattie attribuite a Solvay per inesistenti esposizioni da ipotetiche acque avvelenate, malattie e morti inesistenti e inventate, attribuibili a cause naturali. Continua 
Clicca qui Il Piccolo “Al processo Solvay le carte alla difesa”

Clicca qui La Stampa “Solvay: avvelenamento falda? No, è uno scenario enfatizzato”
Clicca qui Pennatagliente

Lettera ai Caraibi. All’egregio mica tanto monsieur De Laguiche.

Al processo Solvay in Corte di Assise di Alessandria l’avvocato Domenico Pulitanò in una epica arringa di otto ore mi ha degnato, per quantità e intensità di citazioni, quale nemico numero due, dopo il pubblico ministero Riccardo Ghio. In effetti, nella mia altrettanto lunga testimonianza, avevo dimostrato che il suo assistito, lei Bernard de Laguiche, non era imputato solo per la carica di amministratore delegato né per il teorema “non poteva non sapere”, degli arcinoti archivi “segreti” ad esempio, o delle denunce penali per i muri che trasudavano cromo dal suolo ad esempio, bensì per la sua conoscenza diretta e documentata dell’inquinamento dello stabilimento di Spinetta Marengo, in particolare della falda acquifera sottostante: cocktail di 21 veleni tossici e cancerogeni. Infatti, nel dicembre 2002 in occasione della discesa in pompa magna del magnate belga (sempre lei) alla Confindustria di Alessandria, pasticcini e champagne, le avevo inviato tramite fax alla sede di Bollate una lettera di denuncia ambientale pubblicata da tutti i giornali…
Continua..

Clicca qui: J’accuse. La testimonianza di Lino Balza al processo.
Clicca qui: Il video della testimonianza
Clicca qui: la lettera aperta a De Laguiche del 2002.

Clicca qui La Stampa “Non sapeva? Ma se gliel’avevo scritto!”

Clicca qui Corriereal
Clicca qui Pennatagliente

Presentiamo memoria nel ricorso al Consiglio di Stato per Bosco Marengo (e valido per tutti i siti nucleari italiani).

Clicca qui la memoria.

Non si tratta di disattivazione e rilascio sito denuclearizzato (“privo di vincoli radiologici”), bensì della riproposizione da parte di Sogin di un deposito nucleare detto temporaneo ma di fatto definitivo: il governo meno che mai sta allestendo il previsto dalla legge deposito nazionale ultrasicuro. Il deposito alessandrino (capannone) è vulnerabilissimo (attentati, caduta aerei, incidenti, incendi ecc.) inidoneo perfino per un uso temporaneo figuriamoci per definitivo. In più è destinato e a ricevere rifiuti nucleari provenienti da altre installazioni! Medicina democratica, inoltre, ha denunciato più volte l’assenza di un piano di emergenza nucleare conosciuto dalle popolazioni a rischio.

Clicca qui I cittadini prima di tutto ” Memoria ricorso al Consiglio di Stato per Bosco Marengo (e valido per tutti i siti italiani)”
Clicca qui Agora Magazine “A Bosco Marengo rifiuti radioattivi è ancora in zona grigia la soluzione: ricorso al Consiglio di Stato”

A proposito del processo che ci vede parte civile contro l’ex sindaco Piercarlo Fabbio.

L’onorevole Oreste Pastorelli ha presentato una interrogazione (clicca qui) al ministero dell’Ambiente prendendo proprio Alessandria come esempio -negativo- di inquinamento atmosferico urbano con superamenti ripetuti (confermati nel 2012-2013-2014) dei limiti annuali/giornalieri di polveri sottili PM10 e PM2.5, dei limiti annuali per gli ossidi di azoto e dei livelli di ozono estivo; a cui si associa un aumento di ricoveri e decessi per malattie alle via respiratorie e tumorali.

Ritrovamento fusti interrati (nascosti) in area Fabbricazioni nucleari di Bosco Marengo.

Da quanto tempo erano interrati? Quanti altri? Con quali contenuti? Perchè Fabbricazioni Nucleari li aveva nascosti? Sono alcune domande a cui i responsabili, anche penalmente, di F.N., Sogin , tecnici e politici locali e provinciali dovrebbe essere chiamati a rispondere. C’è di più: non dimentichiamo il nostro ricorso al Consiglio di Stato contro il deposito nucleare in superficie, la nostra richiesta di piani di emergenza nucleare, la nostra proposta di indagine epidemiologica per lavoratori e abitanti.
Clicca qui la relazione dell’Arpa.
Clicca qui La Stampa: “Trovati bidoni interrati vicino all’impianto ex FN. Analisi per il cesio”
Clicca AlessandriaNews:
Il combustibile nucleare, un’esclusiva di Bosco Marengo“.
Fusti interrati, alla Nucleare scatta l’allarme
Rischio nucleare, Medicina democratica ha chiesto indagine epidemiologica e piani di emergenza
A novembre la sentenza sul nucleare

127 anni in 8 per la catastrofe ambientale Solvay di Spinetta Marengo.

Auspichiamo che la Giuria della Corte di Assise di Alessandria condanni gli 8 imputati al massimo della pena per l’avvelenamento doloso della falda acquifera e la dolosa omissione di bonifica della catastrofe ambientale di Spinetta Marengo. Il pubblico ministero ha chiesto 18 anni di reclusione per Carlo Cogliati, Bernard de Laguiche e Pierre Jaques Joris; 16 anni e 9 mesi per Giorgio Carimati, 15 anni e 6 mesi per Salvatore Francesco Boncoraglio, Giorgio Canti e Luigi Guarracino; 10 anni per Giulio Tommasi. Per tutti: l’interdizione perpetua ai pubblici uffici. Inoltre il PM ha chiesto l’iscrizione per falsa testimonianza di Patrizio Lodone, Marco Colatarci e Fabio Trezzi, i più clamorosi nell’imbarazzo di scegliere fra i tanti testi incredibili della difesa. Le Parti civili chiedono i risarcimenti ma non tutte avrebbero diritto… (continua)
 
Clicca qui La Stampa: “Finita la requisitoria di Ghio sull’inquinamento del polo chimico di Spinetta Marengo. Niente sconti, chiesti 17 anni. Il PM: condannate tutti gli otto imputati, al vertice di Ausimont e Solvay”.
Clicca qui Silvana Mossano: “Appello ai giudici di Corte d’Assise ‘Voi siete lo Stato: fate giustizia’. Le parti civili chiedono centinaia di migliaia di euro tra risarcimenti e provvisionali”.  
Clicca qui Alessandrianews “Imputati penalmente responsabili vanno condannati” .
Clicca qui Agoramagazine “Resoconto dell’udienza del 16 luglio 2014”.
Clicca qui Il Piccolo: “Siano puniti per i veleni in falda. Il PM chiede maxi condanne. Sono certo che gli imputati ebbero una condotta dolosa. Falda profonda compromessa: le due aziende hanno sempre fornito dati parziali. Dati sottostimati hanno aggravato la situazione. Veleni nel sangue dei dipendenti. Secondo i recenti dati Arpa, le sostanze nocive sono in aumento”.

Clicca qui Monica Gasparini: “La reazione della difesa Solvay”. 
Clicca qui Pennatagliente “Resoconto dell’udienza del 16 luglio 2014”.

L’arringa di Medicina democratica al processo Solvay di Spinetta Marengo.

In Corte d’Assise di Alessandria, l’avvocato Laura Mara ha chiesto la condanna penale ed in solido degli 8 imputati e conseguenti risarcimenti dei danni patiti dalle parti civili persone fisiche.
Clicca qui la memoria, in 136 pagine, di Medicina democratica con tutti gli elementi tecnico scientifici e giuridici che dimostrano le responsabilità degli imputati per avvelenamento doloso delle acque e dolosa omessa bonifica.

Imputato Giulio Tommasi. Alzatevi!

In aula del processo Solvay in Corte d’Assise di Alessandria, la lettura del giornale vuole ostentare una coscienza tranquilla oppure è l’indifferenza verso le vittime della catastrofe ambientale e sanitaria di Spinetta Marengo? Clicca qui perché deve essere condannato Giulio Tommasi, braccio destro degli amministratori delegati.
Abbiamo già pubblicato Carlo Cogliati (clicca qui), Bernard de Laguiche (clicca qui), Pierre Jaques Joris  (clicca qui ) e Giorgio Carimati (Clicca qui).
Seguiranno sul blog gli altri imputati: Salvatore Boncoraglio, Giorgio Canti, Luigi Guarracino.

Imputato Giorgio Carimati. Alzatevi!

Mai visto in aula di fronte alle vittime. Non avrà il coraggio di essere presente neppure alla lettura della condanna. Clicca qui il profilo penale del regista italiano dell’attività spionistica della multinazionale belga che rischia, con altri sette imputati, da 15 a 24 anni di reclusione per il disastro ecologico della Solvay di Spinetta Marengo (Alessandria).
Abbiamo già pubblicato Carlo Cogliati (clicca qui) , Bernard de Laguiche (clicca qui) e Pierre Jaques Joris: clicca qui.
Seguiranno sul blog gli altri imputati: Salvatore Boncoraglio, Giorgio Canti, Luigi Guarracino, Giulio Tommasi.
 
Clicca qui Pontinia Ecologia e Territorio 
Clicca qui Su la testa parole e immagini di Gianni Lannes “Solvay: assassini d’Italia a piede libero”

Imputato Pierre Jaques Joris! Alzatevi!

Inquinamento doloso delle acque e dolosa omessa bonifica: i reati per il disastro ecologico della Solvay di Spinetta Marengo.Le richieste di condanna del PM Riccardo Ghio al processo in Corte di Assise di Alessandria (presidente Sandra Casacci). Da 15 a 24 anni di reclusione per gli imputati. Dopo i profili penali dei presidenti Carlo Cogliati (clicca qui) e Bernard de Laguiche (clicca qui), pubblichiamo quello del loro successore Pierre Jaques Joris: clicca qui.

Seguiranno sul blog gli altri cinque imputati: Salvatore Boncoraglio, Giorgio Canti, Luigi Guarracino, Giorgio Carimati, Giulio Tommasi.