L’ARPA E LA SOLVAY SOLEXIS

A voi risulta che l’Arpa abbia dato notizia che sabato 7 novembre 2009 intorno alle ore 17 c’è stato un incidente all’impianto Algofrene della Solvay Solexis di Spinetta Marengo? A noi no.
Eppure sembrerebbe che a seguito della foratura della colonna di testa del reattore R3 ci sia stata una considerevole fuoriuscita di gas. All’interno di tale apparecchiatura alla pressione di 11 bar si fa reagire il Cloroformio con Acido Fluoridrico ottenendo così Clorodifluorometano (CFC22) e Acido Cloridrico. Il reattore in pochi minuti si è depressurizzato all’aria senza che la Solvay dichiarasse alcuna emergenza. Non vogliamo dubitare che sia successo nulla di grave, ci chiediamo però se l’Arpa è stata informata, e se sì ,perchè non ha informato. Magari solo per tranquillizzare, considerando che il Cloroformio ha un effetto deprimente sul sistema nervoso centrale, può produrre danni al fegato dove viene metabolizzato in fosgene ed è cancerogeno (associato al carcinoma epatocellulare). A sua volta l’acido fluoridrico è estremamente tossico sia per inalazione che per contatto e danneggia il tessuto osseo e le vie nervose; l’ingestione è spesso mortale. Il Clorodifluorometano è una sostanza classificata come pericolosa ai sensi della Direttiva 67/548/CEE, persiste nell’aria e partecipa al processo di riduzione dello strato di ozono stratosferico.
In compenso l’Arpa ha convocato una conferenza stampa su cromo e PFOA per spiegare che oggi come ieri possiamo stare tranquilli: è tutto sotto controllo, come sempre.
Come il 19 marzo 2008, quando su un giornale locale viene intervistato il direttore dell’Arpa. A seguito di esposti in Procura, infatti, l’Arpa sta rispondendo al procuratore e al giornalista. Afferma Alberto Maffiotti: “L’intervento di bonifica dell’impianto Bicromati è regolare”. Tutto regolare, non c’è cromo a Spinetta Marengo, non esistono 500 milioni di metri cubi sotterrati, le falde non sono inquinate. Attenzione: le rassicurazioni ARPA sono rilasciate a marzo. A maggio, neanche due mesi dopo, la magistratura apre l’inchiesta sullo scandalo mentre il sindaco è costretto a chiudere tutti i pozzi!!!
Era tutto regolare per l’ARPA, facendo finta di non sapere che cinque mesi prima la Coopsette aveva trovato valori incredibili di cromo esavalente; o di non sapere delle decennali denunce della responsabile del laboratorio dello zuccherificio e di Medicina democratica. Anche volendo concedere la buona fede, come si può giustificare che l’Arpa dal 2002 al 2006 aveva rilevato “cromo totale” nei terreni della Fraschetta e non le è venuto in mente di accertare la logica presenza di “cromo esavalente”? Addirittura (sta scritto sui giornali) l’Arpa viene accusata di averlo sì rilevato tra il 2003 e il 2004: ma allora l’ha nascosto. Domande che abbiamo posto alla Procura. C’è di peggio nel rimpallo delle responsabilità: il Comune di Alessandria afferma che con ordinanza 2005 aveva impegnato sul “cromo esavalente” la Regione e l’Arpa, la quale Arpa nega di averla mai ricevuta. E’ tutta una matassa di rimpalli che dovrà essere districata dalla Magistratura.
Questi sono alcuni esempi di affidabilità dell’Arpa riferiti al cromo (comprereste voi una macchina usata da…?).
Facciamone altri sul PFOA.
Maffiotti afferma che “la pericolosità del PFOA è da provare” e al riguardo “non vi è letteratura scientifica”. Ignora o finge di ignorare (non so cosa sia più grave) che gli studi internazionali si occupano dei rischi Pfoa quanto meno dal 1972, come tossico e cancerogeno, e che l’EPA americana l’ha messo infine al bando la sostanza (chissà perché? si chiede Maffiotti), vietata con qualche ritardo si dirà, ma in netto anticipo rispetto all’Arpa che ancora oggi chiude gli occhi in attesa di una legge italiana che gli imponga di aprirli.
Bastava e basta fare un clic su internet (vedi es. allegato) per essere informati conoscendo un poco di inglese o con un traduttore.
Dov’era l’Arpa nel 2002 quando le emissioni di PFOA erano di quasi 100 volte superiori a quelle di oggi (dati Solvay)? Dov’era fino ad oggi?
Dov’era l’Arpa quando i valori di Pfoa nel sangue dei lavoratori erano 30 volte superiori a quelli odierni (che pur restano inammissibili: dovrebbero essere zero)?
Cosa ha fatto l’Arpa quando in Bormida e Tanaro il Pfoa è stato trovato (non per iniziativa Arpa) a livelli da 100 a 1.500 volte superiori a tutti i fiumi italiani ed europei?
TG3 Piemonte Solvay Solexis PFOA

Le Iene Solvay Solexis PFOA

4 pensieri riguardo “L’ARPA E LA SOLVAY SOLEXIS”

  1. " Quando u cu' u l'e' frùstù, u paternostro u pà giustù!!! " altra perla di saggezza popolare dei miei luoghi…( chiedo scusa per la trasposizione letterale)!! Ma come, sino ad ora la virtuosa e trasparente azienda ha dichiarato la perfetta regolarita' delle analisi, sino a spingersi ad effermare che l'allacciatura temporanea interna all'acquedotto era stata effettuata esclusivamente in forma preventiva, che tutti i valori RIENTRAVANO AMPIAMENTE ENTRO I TERMINI DI LEGGE…..ED ORA??? ADESSO CHE LE INDAGINI EFFETTUATE AFFERMANO ESATTAMENTE IL CONTRARIO, il sensibile colosso vuole sottrarsi alle manipolazioni mediatiche??? c'e' da chiedersi: per una questione di riservatezza o perche' le informazioni non possono ( SIGH!! ) piu' essere manipolate a loro piacimento? Se le acque, a parer loro, risultano comunque potabili, CONSIGLIO DI ADIBIRE UN LOCALE DEL PORCO INDUSTRIALE A SITO DI IMBOTTIGLIAMENTO, IN MODO CHE POSSANO ESPORTARE LE PREZIOSE BOTTIGLIE IN BELGIO, RISERVANDOLE, VISTA LA LORO RARA QUALITA', AD OCCASIONI SPECIALI!! Cio' che piu' mi disgusta, oltre alla CONSAPEVOLEZZA DELLA TOSSICITA' POTENZIALE DEL POZZO8 DA PARTE DEI DIRIGENTI, QUINDI ALLA PERSEVERENZA NELLA VOLONTA' DI DOLO VERSO CENTINAIA DI PERSONE, SONO I RISULTATI DELLE ANALISI AD ORA EFFETTUATE DALL'ARPA!!! I CASI SONO DUE: a) I SISTEMI ALLA BASE DEI PROCESSI ANALITICI ERANO ERRATI O, COMUNQUE, INADATTI ALLA TIPOLOGIA DEL CASO IN ESAME b) ALL'ENTE PUBBLICO VENIVANO FORNITI CAMPIONI CONSAPEVOLMENTE MANIPOLATI. RISULTATO: a) COME HA FATTO L'ENTE IN-COMPETENTE A NON ACCORGERSI DELL'INADEGUATEZZA DEL PROCESSO UTILIZZATO, VISTO CHE NON SI PARLA DI ALCUNI MESI MA DI PARECCHI ANNI? b)TEORICAMENTE, PRESUMO, I CAMPIONAMENTI VENIVANO EFFETTUATI, IN MODALITA' SPOT ED IMPROVVISA, DA PERSONALE DEDICATO: COME HA POTUTO EFFETTIVAMENTE L'AZIENDA FORNIRE CAMPIONI " DEPURATI "? UN DUBBIO SORGE SPONTANEO: C'ERA PER CASO UN UCCELLINO CHE AVVISAVA I NOSTRI PRODI DELLA VISITA DI CAMPIONAMENTO IMMINENTE?

  2. Egregio anonimo delle 10.46,
    stavo per citarle la data dell'articolo in questione, appunto quello apparso sul Piccolo il 19 Marzo 2008, ma penso sia inutile visto che potra' consultarlo direttamente, qualche intervento appena sopra ai nostri….. ORA CHIEDO ANCHE A LEI: QUALI RIFLESSIONI DEDUCE DA TALE ACUTA AFFERMAZIONE? in seconda elementare ho ancora sostenuto l'esame ( pensi un po'! ) per accedere alla terza, esame che consisteva nel saper scrivere E LEGGERE: SBAGLIO O LEGGO DI BONIFICHE INDUSTRIALI AVVENUTE REGOLARMENTE IN SENO ALLA PRESENZA DI BICROMATI NEL SITO INDUSTRIALE DELLA SOLVAY ( EX MONTEDISON, POI AUSIMONT, ORA PARCO-PORCO INDUSTRIALE DI SPINETTA MARENGO? )??? COLGO QUINDI L'OCCASIONE PER RIBADIRE, DA LIBERO ED APOLITICO CITTADINO,: SU CHE BASI L'ILLUSTRE FUNZIONARIO SI E' PERMESSO DI EFFETTUARE UNA TALE DICHIARAZIONE? ED A LEI, MIO ILLUSTRE INTERLOCUTORE, CHIEDO: COSA LEGGE DI DIFFERENTE IN TALE DICHIARAZIONE? Mi pare il messaggio sia chiaro, poi, ne converra' con me, se si vuol leggere tra le righe ( ergo interpretare ), allora si puo' anche talvolta affermare che gli asini possono volare!!!!

  3. Caro signor Minchino felice,
    cerchi l'articolo in questione e poi faccia le sue riflessioni.

  4. IO CHIEDO ALL'ESIMIO SIG. MAFFIOTTI: " SU QUALI BASI HA DICHIARATO, NELLA DATA CITATA NELL'ARTICOLO, CHE LE BONIFICHE DEL SITO ERANO STATE EFFETTUATE REGOLARMENTE?" A QUALI BONIFICHE SI RIFERIVA? come LIBERO cittadino ritengo inamissibili certe dichiarazioni e chiedo alla stessa persona QUALI SOSTANZE ASSUME AFFINCHE' ANCH'IO POSSA BEARMI DEI LORO BENEFICI EFFETTI!!!!

I commenti sono chiusi